Codice Etico

In questa pagina è riportato, integralmente, il Codice Etico ufficiale
della Società Centro Diagnostico Valdichiana SRL.

Codice Etico

In questa pagina è riportato, integralmente, il Codice Etico ufficiale della Società CENTRO DIAGNOSTICO VALDICHIANA SRL. Contiene la dichiarazione dei valori, l’insieme dei diritti, dei doveri e delle responsabilità che lo stesso assume nei confronti di chiunque si trovi a collaborare con esso o ad usufruire dei suoi servizi. Il Centro si conforma, nello svolgimento delle proprie attività, ai principi di correttezza, trasparenza, lealtà e legittimità, nel rispetto della sua storia e del fine del servizio offerto.

— Centro Diagnostico Valdichiana

L’inosservanza delle regole di condotta contenute nel presente Codice Etico darà avvio ad un procedimento disciplinare, fatta comunque salva l’eventuale adozione di misure sanzionatorie diverse connesse a responsabilità di altra natura.

Nessun comportamento illecito o comunque in violazione di disposizioni del presente documento o anche solo illegittimo o scorretto potrà essere giustificato o considerato meno grave, anche se compiuto nell’interesse o a vantaggio delle Società. Di conseguenza, ogni atto posto in essere nonostante le contrarie disposizioni stabilite dal presente Codice costituirà oggetto di avvio di una procedura disciplinare.

I collaboratori, i professionisti ed i partner di CDV in caso di violazioni accertate potranno essere sanzionati secondo quanto espressamente previsto nei contratti di riferimento di cui il Codice Etico rappresenta parte integrante.

Gli Amministratori, i Dipendenti, i Consulenti, i Collaboratori, i Revisori nonché gli Organi di Controllo, volontari ed obbligatori, i business partner e tutti coloro che operano in nome e per conto del CDV (i “Destinatari”) sono tenuti a rispettare le previsioni del presente Codice.

I principi e le disposizioni in esso contenute costituiscono specificazioni esemplificative degli obblighi generali di diligenza, correttezza e lealtà che qualificano l’adempimento delle prestazioni lavorative ed il comportamento che il dipendente o il collaboratore è tenuto ad osservare. L’osservanza delle prescrizioni del Codice Etico del CDV costituisce parte integrante delle obbligazioni contrattuali dei Dipendenti e dei business partner. La loro violazione costituisce, a seconda dei casi, un illecito disciplinare (sanzionabile nel rispetto della normativa applicabile e del CCNL applicato in Azienda) e/o un inadempimento contrattuale e può comportare il risarcimento dei danni eventualmente derivanti da tale violazione nei confronti della rispettiva Società.

Il Centro eroga prestazioni di diagnostica strumentale nell’ambito della diagnostica per immagini ed esercita la propria missione ispirandosi ai principi di tutela della vita, promozione della salute e migliore assistenza al paziente/utente.

Parte integrante della missione è quella di operare al fine di fornire prestazioni sanitarie di qualità a tutti i cittadini-utenti che ne fanno richiesta, nel rispetto della dignità della persona, garantendo uguaglianza ed imparzialità di trattamento, con strutture e mezzi adeguati e che tengano conto della sicurezza di operatori ed utenti.

Per la messa in pratica di questi principi ispiratori, il Centro ha definito alcuni obiettivi di carattere generale, che si impegna a raggiungere:

  • a. sviluppare un’azione continua di miglioramento dei servizi e dei processi aziendali, mirata all’attenzione all’utente/paziente ed alla sua soddisfazione, alla sicurezza del personale e dell’ambiente di lavoro, alla competenza, consapevolezza ed abilità degli operatori sanitari, amministrativi e tecnici;
  • b. fornire sicurezza nell’esercizio della medicina, nell’esecuzione delle procedure e nella vigilanza sugli utenti/pazienti;
  • c. assicurare le migliori prestazioni diagnostiche, in termini di appropriatezza, accuratezza e precisione delle risposte, tempestività, sistematicità e continuità, richieste dallo stato del paziente/utente;
  • d. offrire ai medici la disponibilità delle risorse umane e tecnologiche necessarie;
  • e. garantire ai pazienti/utenti un servizio ispirato ai principi di uguaglianza, imparzialità, continuità dell’assistenza, diritto di scelta e partecipazione.

Il raggiungimento degli obiettivi viene periodicamente verificato dalla Direzione del Centro CDV, che se necessario attiva provvedimenti correttivi e preventivi.

Il Centro si impegna a rispettare i principi etici comunemente riconosciuti quali correttezza, legittimità, trasparenza e lealtà.

I principi di correttezza e legittimità implicano il rispetto da parte di dirigenti, dipendenti ed operatori sanitari dei diritti di ogni soggetto comunque coinvolto nell’attività della Struttura.

In questa prospettiva il Centro e tutti i suoi organi:

  • agiscono nel rispetto dei diritti fondamentali dell’uomo ed evitano, nei rapporti con gli interlocutori, ogni illegittima discriminazione in base all’età, al sesso, allo stato di salute, alla razza, alla nazionalità, alle opinioni politiche e alle convinzioni religiose;
  • rifiutano ogni comportamento illegittimo anche quando sia posto in essere con l’intento di perseguire l’interesse del Centro Diagnostico stesso. La Società attribuisce fondamentale importanza alla tutela della privacy, assicurando la riservatezza delle informazioni nella più rigorosa osservanza della legislazione vigente in materia di tutela dei dati personali e di cui al Regolamento Europeo (UE) 16/679.

La comunicazione a terzi delle informazioni che riguardano la Società o i suoi pazienti può avvenire esclusivamente da parte di soggetti autorizzati/incaricati e, in ogni caso, in conformità alle disposizioni aziendali. Nella comunicazione a terzi delle informazioni deve, in ogni caso, essere precisato il carattere riservato dell’informazione e richiesta l’osservanza dell’obbligo di riservatezza nei confronti del terzo.

I principi di trasparenza e lealtà implicano l’impegno di tutti i Destinatari del presente Codice Etico a fornire in modo chiaro e completo le informazioni, verificando preventivamente la veridicità e la ragionevole completezza delle informazioni comunicate all’esterno e all’interno.

Le risorse umane rappresentano un valore indispensabile e prezioso per la crescita e sviluppo del Centro, che persegue il miglioramento e all’accrescimento delle capacità di ciascuno, anche attraverso attività di formazione e aggiornamento.

L’organizzazione del lavoro è volta ad evitare qualsiasi situazione di oppressione organizzativa e/o violenza psicologica. Sono garantite condizioni di lavoro che aiutino a svolgere le proprie mansioni in un clima di collaborazione, rispetto e serenità ed in ossequio alla normativa di cui al D.Lgs. 81/2008.

5.1 Principi generali

Tutti i collaboratori della Società, destinatari del presente documento, devono astenersi dal fare o promettere a terzi, in qualunque caso, pur se soggetti a illecite pressioni, dazioni di somme di denaro o altra utilità in qualunque forma e modo, anche indiretto, per promuovere o favorire interessi del Centro. I Destinatari non possono accettare per sé o per altri dazioni di somme di denaro o di altre utilità o la promessa di esse per promuovere o favorire interessi di terzi nei rapporti con il Centro.

Fanno eccezione a queste prescrizioni solo gli omaggi di modico valore, quando siano ascrivibili unicamente ad atti di cortesia nell’ambito di corretti rapporti commerciali e non siano espressamente vietati o, comunque, non possano influenzare la discrezionalità ovvero l’indipendenza del terzo.

Tutti quelli che nell’espletamento della loro attività a favore del CDV vengano a trovarsi in situazioni di conflitto d’interesse devono informarne tempestivamente i propri superiori gerarchici, i quali – valutata la segnalazione – devono avvisare il Consiglio di Amministrazione.

5.2 Obblighi di condotta di collaboratori e partners

La conformità alla legge e alle disposizioni previste dal presente documento sono requisito necessario per tutti i collaboratori e partners della Società. Il comportamento dei soggetti che collaborano con il Centro, oltre che in sintonia con le politiche interne ad esso, deve essere improntato ai principi di professionalità, diligenza e correttezza sanciti nel presente Codice Etico. I collaboratori del CDV, qualora soggetti a propri codici di deontologia professionale, sono tenuti al rispetto degli stessi e si impegnano altresì ad attuare e far rispettare il Regolamento interno del Personale dipendente pro tempore vigente.

È fatto obbligo a dipendenti e collaboratori di osservare quanto previsto dal Regolamento Aziendale interno al Centro.

5.3 Rapporti con i fornitori

Nei rapporti con i fornitori, tutti i dipendenti e collaboratori devono privilegiare gli interessi del Centro e dei suoi utenti/pazienti, astenendosi dal porre in essere comportamenti volti a conseguire un vantaggio personale.

In ogni caso, nei contratti stipulati con i fornitori deve essere espressamente previsto a carico di questi ultimi l’obbligo di osservare e rispettare i principi stabiliti nel presente Codice Etico.

5.4 Rapporti con l’Amministrazione Pubblica

Le relazioni del Centro con la Pubblica Amministrazione (tra cui, in particolare, l’ASL) devono essere improntate al rispetto delle disposizioni di legge e dei criteri stabiliti nel presente Codice Etico.

In particolare è fatto divieto ai soggetti che agiscono per conto della Società di:

  • offrire omaggi, se non di modico valore o rientranti nei normali rapporti di cortesia;
  • sollecitare informazioni riservate ed influenzare in maniera impropria le decisioni di un’istituzione pubblica.

Ai soggetti che agiscono per conto del Centro è fatto divieto di divulgare informazioni provenienti dalla P.A. o mettere in qualsiasi modo in pericolo la riservatezza dei dati e delle informazioni attinenti ai rapporti con enti pubblici.

Ai soggetti che agiscono per conto del Centro è fatto divieto di divulgare informazioni provenienti dalla P.A. o mettere in qualsiasi modo in pericolo la riservatezza dei dati e delle informazioni attinenti ai rapporti con enti pubblici.

Ai soggetti che agiscono per conto del Centro è fatto divieto di divulgare informazioni provenienti dalla P.A. o mettere in qualsiasi modo in pericolo la riservatezza dei dati e delle informazioni attinenti ai rapporti con enti pubblici.

5.5 Rapporti con i mezzi di informazione

Il Centro si impegna a fornire all’esterno dati ed informazioni corrette e veritiere. I rapporti con i mezzi di informazione sono riservati unicamente ai responsabili delle funzioni a ciò preposte, i quali ricevono dai dipendenti e dai collaboratori della Società tutte le informazioni suscettibili di comunicazione.

5.6 Criteri di condotta nei rapporti con i dipendenti ed i dirigenti

All’interno della gestione del rapporto con il dipendente, l’operatore sanitario e ogni altro collaboratore, la Società rifiuta qualsiasi forma di discriminazione. Il Centro seleziona e assume i propri dipendenti, dirigenti e collaboratori in base alla rispondenza dei loro profili professionali e alle necessità ed esigenze della Struttura, nel rispetto comunque delle pari opportunità di tutti i soggetti interessati, evitando illeciti favoritismi e qualsiasi forma di clientelismo. Inoltre, è fatto divieto – a chiunque possa sfruttare la propria posizione gerarchica all’interno della Società – di chiedere direttamente o indirettamente ai dipendenti o collaboratori prestazioni, favori personali o qualunque comportamento che violi le prescrizioni del presente Codice Etico. Il Centro assicura il rispetto della dignità di tutti i suoi collaboratori, sia nella loro individualità che nella dimensione relazionale, nonché l’applicazione di tutte le previsioni contrattuali in loro favore e di tutte le prescrizioni volte a tutelare la sicurezza e la salute nei luoghi di lavoro.

5.7 Trasparenza della contabilità

Il Centro è consapevole dell’importanza della trasparenza, accuratezza e completezza delle informazioni contabili e si adopera per disporre di un sistema amministrativo contabile idoneo a rappresentare correttamente i fatti di gestione e fornire gli strumenti per identificare, prevenire e gestire, nei limiti del possibile, rischi di natura finanziaria e operativa, nonché frodi a danno della Società stessa o di terzi.

5.8 Conflitti di interessi

I dipendenti del CDV dovranno evitare situazioni in cui i loro interessi entrino in conflitto con gli interessi della Società. A titolo esemplificativo e non esaustivo le situazioni che possono causare conflitto di interessi sono:

  • la partecipazione a decisioni che riguardano affari con imprese, società od enti in cui il dipendente o un familiare del dipendente abbiano interessi o anche quando da tali decisioni possa derivare un vantaggio personale per un dipendente od un familiare dello stesso.

L’utilizzo del nome “CENTRO DIAGNOSTICO VALDICHIA” per l’ottenimento di vantaggi personali.

L’obbligo di evitare situazioni di conflitto di interessi si deve intendere esteso ai consulenti e a tutti i collaboratori a vario titolo del CDV.

5.9 Reputazione, tutela dei diritti di terzi, concorrenza

Il Consiglio di Amministrazione del CDV considera la reputazione e la sostenibilità dei suoi prodotti quali condizioni imprescindibili per il suo futuro sviluppo. In nessun caso il perseguimento dell’interesse del CDV può giustificare una condotta dei vertici o dei collaboratori non rispettosa delle leggi vigenti e non conforme alle regole del presente documento.

Il CDV rispetta la normativa in materia di marchi, brevetti e diritto d’autore. Pertanto, non consente l’utilizzo, a qualsiasi titolo e a qualsiasi scopo, di prodotti con marchi o segni alterati o contraffatti nonché la fabbricazione, la commercializzazione e la diffusione di prodotti già brevettati da terzi e sui quali le Società non vantano diritto alcuno o che riportano segni distintivi ingannevoli sull’origine, sulla provenienza o qualità del prodotto. La tutela delle opere dell’ingegno è considerata di primaria importanza ed è pertanto fatto divieto di ogni abusiva diffusione, riproduzione, utilizzo, vendita, con qualsiasi scopo, per qualsiasi utilizzo e con qualsivoglia strumento.

Il CDV riconosce l’importanza e il valore della concorrenza leale e corretta. Si impegna pertanto a rispettare pienamente le norme di legge sulla concorrenza e tutte le altre leggi a tutela del consumatore, applicabili ove opera.

Il CDV impone la massima trasparenza nelle transazioni commerciali e predispone adeguati presidi di controllo nel contrastare qualsiasi forma di riciclaggio e ricettazione. Verifiche preventive su potenziali fornitori e partner commerciali saranno indirizzate a determinare la loro rispettabilità e la legittimità della loro attività.

Particolare attenzione deve essere dedicata ai rapporti che comportino ricezione o trasferimento di somme di denaro o altre utilità.

I Destinatari sono tenuti a:

  • verificare preventivamente le informazioni disponibili sulle controparti commerciali, sui fornitori, partner, collaboratori e consulenti, al fine di appurare la loro rispettabilità e la legittimità della loro attività prima di instaurare con questi rapporti d’affari;
  • evitare qualsiasi implicazione in operazioni idonee, anche potenzialmente, a favorire il riciclaggio di denaro proveniente da attività illecite o criminali, agendo nel pieno rispetto della normativa antiriciclaggio primaria e secondaria e delle procedure interne di controllo.

Il CDV riconosce nelle risorse umane un fattore fondamentale e irrinunciabile per il suo sviluppo nel tempo. A tal fine, le Società si impegnano a creare, a mantenere e tutelare le condizioni necessarie affinché le capacità, le competenze, le conoscenze di ciascun dipendente possano ulteriormente ampliarsi, al fine di assicurare l’efficace raggiungimento degli obiettivi aziendali.

I dipendenti delle Società, nel perseguire gli obiettivi aziendali, devono utilizzare le risorse, materiali ed immateriali, messe loro a disposizione in modo efficace, efficiente ed economico nel rispetto del presente Codice Etico.

Le Società perseguono una politica volta al riconoscimento dei meriti e si impegnano ad offrire pari opportunità nel lavoro a tutti i dipendenti.

7.2 Assunzione del personale e remunerazione

Nell’ambito della selezione, condotta nel rispetto dei principi di cui al presente Codice Etico e senza discriminazione alcuna, il CDV opera affinché le risorse acquisite corrispondano ai profili effettivamente necessari.

Tutto il personale è assunto in base a regolari contratti di lavoro previsti dalle leggi vigenti in ogni area geografica in cui operano le Società e non è ammessa alcuna forma di lavoro irregolare o di sfruttamento di manodopera.

Il sistema delle remunerazioni, a qualsiasi livello, è ispirato al principio secondo cui la remunerazione è determinata unicamente sulla base di valutazioni attinenti alla formazione, alla professionalità specifica, all’esperienza acquisita, al merito dimostrato ed al raggiungimento degli obiettivi assegnati. La parte variabile della retribuzione e gli strumenti di incentivazione sono determinati in base al raggiungimento di obiettivi aziendali concreti, specifici, misurabili ed assegnati nel rispetto delle norme di legge, contrattuali nonché del presente documento.

È vietata anche la mera prospettazione di incrementi nella remunerazione, di altri vantaggi o di progressione in carriera, quale contropartita di attività difformi dalle leggi, dalle procedure aziendali, dal Codice Etico e dalle altre norme e regole interne.

7.3 Obblighi del personale e dei Destinatari

La lealtà, la capacità, la professionalità, la serietà, la preparazione e la dedizione del personale rappresentano i valori e le condizioni alla base del conseguimento degli obiettivi del CDV. Al dipendente e collaboratore e business partner delle Società è richiesto di coltivare e sollecitare l’acquisizione di nuove competenze, capacità e conoscenze, nonché di operare, nello svolgimento della propria attività, nel pieno rispetto delle strutture organizzative.

I Destinatari devono tenere in espressa e costante considerazione il rispetto della persona, della sua dignità e dei suoi valori, evitando qualsivoglia discriminazione fondata sul sesso, l’origine razziale ed etnica, la nazionalità, l’età, le opinioni politiche, le credenze religiose, lo stato di salute, l’orientamento sessuale e le condizioni economico-sociali

7.4 Sostanze alcoliche, stupefacenti e fumo

È vietato l’uso di stupefacenti e l’uso di sostanze alcoliche per tutti i dipendenti e/o collaboratori e/o business partner preposti ad attività per cui è richiesto il pieno equilibrio psico-fisico.

È altresì vietato fumare sui luoghi di lavoro e chiunque sia costretto a subire fumo passivo nei luoghi di lavoro è tenuto a informare l’Organo preposto (la Direzione) e il proprio responsabile.

7.5 Attrezzature e strutture aziendali

I beni aziendali del CDV e, in particolare, gli impianti e le attrezzature situate nei luoghi di lavoro, sono utilizzati per ragioni di servizio, ai sensi della normativa vigente. In nessun caso è consentito utilizzare i beni aziendali e, segnatamente, le risorse informatiche e di rete per scopi e finalità contrarie a norme imperative di legge, all’ordine pubblico o al buon costume, nonché per commettere o indurre alla commissione di reati.

A nessun Destinatario è consentito effettuare registrazioni o riproduzioni audiovisive, elettroniche, cartacee o fotografiche di documenti aziendali, salvi i casi in cui tali attività rientrino nel normale svolgimento delle funzioni affidategli e/o se espressamente autorizzati.

È fatto espresso divieto porre in essere condotte che, in qualsiasi modo, possano danneggiare, alterare, deteriorare o distruggere sistemi informatici o telematici, programmi e dati informatici della Società o di terzi.

Ogni Dipendente è personalmente responsabile del mantenimento della sicurezza dei suindicati beni aziendali, evitando l’uso fraudolento o improprio degli stessi nonché la cessione, anche a colleghi, delle proprie user id e password di accesso ai sistemi informativi. L’utilizzo dei beni deve essere esclusivamente funzionale allo svolgimento delle attività aziendali o agli scopi autorizzati dai responsabili delle funzioni aziendali interessate: è fatto espresso divieto utilizzare le risorse informatiche aziendali per la consultazione, l’accesso e, in genere, per qualsiasi attività che concerna siti a contenuto che trattano argomenti contrari alla legge, all’ordine pubblico o al buon costume.

È vietata ogni modifica, compresa l’installazione di software sui beni di proprietà e ciò al fine di proteggere e tutelare oltre che il CDV lo stesso utilizzatore. Tutte le operazioni e gli interventi, compresa la manutenzione, sulle attrezzature e sui beni aziendali devono essere poste in essere da personale qualificato e preposto.

8.1 Utenti/Pazienti

Il CDV ha tra i suoi obiettivi primari la soddisfazione del cliente/utente finale. Tutti gli amministratori, dirigenti e dipendenti sono tenuti ad operare in modo da soddisfare le aspettative del cliente, migliorando continuamente i prodotti/servizi offerti, anche attraverso la continua ricerca di prodotti, servizi e soluzioni sempre più innovative ed avanzate.

I servizi sanitari erogati da CDV sulla base di parametri organizzativi e funzionali tesi ad assicurare un processo di monitoraggio continuo a garanzia dell’appropriatezza delle tecniche diagnostiche e cure prestate.

CDV favorisce e promuove l’utilizzo preciso e diffuso del consenso informato, quale strumento utile affinché ciascun paziente comprenda e condivida il proprio percorso diagnostico. Nello svolgimento dell’attività informativa in favore dei Pazienti, CDV si impegna a non utilizzare strumenti di persuasione di natura scientifica o di altro tipo, i cui contenuti possano risultare non veritieri.

La protezione della riservatezza, dell’integrità e della disponibilità dei dati inerenti la salute dei Pazienti costituisce un obbligo fondamentale per i destinatari, indipendentemente dal ruolo e dalla professionalità, ed è perseguita mediante il rispetto delle procedure aziendali in tema di sicurezza nell’archiviazione e nella gestione di dati e documenti sanitari cartacei ed informatici.

A tal fine tutti i dipendenti e collaboratori del Centro sono tenuti ad avere cura dei pazienti e a garantire l’accessibilità, la completezza e la chiarezza dell’informazione sui servizi erogati

La fornitura dei servizi sanitari deve essere ispirata a principi di equità, uniformità e riservatezza. In particolare, tutti i dipendenti e collaboratori della Società devono impegnarsi a mantenere un comportamento imparziale anche nella gestione delle situazioni di urgenza, osservando le norme in materia di privacy e riservatezza (in particolare il D.Lgs. 193/06 e Regolamento Europeo (UE) 16/679).

Il CDV attua le prescrizioni in materia di protezione e tutela dei dati personali mediante l’adozione delle necessarie misure organizzative, in conformità alle disposizioni vigenti.

Le informazioni acquisite da chiunque operi in connessione con il rapporto di collaborazione con il CDV sono riservate e non potranno essere comunicate in alcun modo a terzi, tra i quali sono compresi i familiari, salvo che si tratti di informazioni di pubblico dominio. Coloro che hanno accesso a dati relativi alla Società debbono trattarli in base alle istruzioni e alle procedure fissate dalla Direzione del CDV. Salvo che non si tratti di dipendenti a ciò preposti, è fatto divieto di registrare, divulgare e trattare i dati personali di altri dipendenti o di terzi.

Tutti i collaboratori di CDV devono essere consci che Il rispetto della riservatezza dell’incolumità fisica degli utenti e pazienti è per CDV un valore inviolabile.

8.2 I rapporti con i Medici

I rapporti con gli operatori sanitari dipendenti e/o collaboratori autonomi del CDV o dalla stesso incaricati ad una delle tipiche attività aziendali che caratterizzano l’operatività di CDV devono essere sempre improntati al rispetto delle disposizioni normative vigenti, codici deontologici e dei protocolli aziendali interni, nonché alla correttezza e trasparenza.

In caso di dubbi e di incertezze sui comportamenti da seguire, che persistono anche dopo aver preso visione dei protocolli e delle procedure aziendali disponibili, i destinatari devono astenersi dal compiere ulteriori attività ed informare immediatamente il Direttore Sanitario del Centro.

9.1 Sicurezza e igiene sul lavoro

La sicurezza sul luogo di lavoro e la tutela dell’ambiente rientrano tra gli impegni principali che il CDV si assume. La Società si impegna a rispettare le disposizioni normative e contrattuali del Paese in cui opera e i massimi standard qualitativi, onde assicurare la sicurezza e la salute dei dipendenti sul luogo di lavoro e la protezione dell’ambiente.

Le Società garantiscono un ambiente lavorativo conforme alle vigenti norme in materia di sicurezza e salute, mediante il monitoraggio, la gestione e la prevenzione dei rischi connessi allo svolgimento dell’attività professionale. A tal fine, il CDV si è dotato di Professionisti (Studio di Consulenza del lavoro, Società di servizi sulla sicurezza), che ha l’obiettivo di assicurare l’applicazione e la diffusione di una politica comune di sicurezza, igiene del lavoro e di protezione dell’ambiente nel rispetto delle normative, e delle linee guida interne.

I lavoratori sono inoltre tenuti a utilizzare correttamente le macchine ed impianti, l’attrezzatura di protezione individuale, nonché i dispositivi di sicurezza e saranno debitamente e costantemente informati e formati in ossequio a quanto disposto dalla normativa in materia.

9.2 Tutela ambientale

Tutte le attività del CDV saranno gestite nel rispetto della normativa vigente in materia ambientale.

La Società gestisce le proprie attività nel rispetto dell’ambiente e della salute pubblica: le scelte di investimento e di business sono informate alla sostenibilità ambientale, in un’ottica di crescita eco-compatibile anche mediante l’adozione di particolari tecnologie e metodi di produzione che – là dove operativamente ed economicamente sostenibile – consentano di ridurre l’impatto ambientale delle proprie attività.

La Società adotterà metodologie e tecnologie produttive volte alla riduzione degli sprechi e alla conservazione e alla tutela delle risorse naturali. Si impegnano inoltre a diffondere e consolidare tra tutti i propri collaboratori una cultura della tutela ambientale e della prevenzione dell’inquinamento, sviluppando la consapevolezza dei rischi e promuovendo comportamenti responsabili da parte di tutti i collaboratori.

Il controllo sull’applicazione del Codice Etico è demandato al Consiglio di Amministrazione per tramite del Dirigente preposto (Direttore Sanitario, il quale individua regole di comportamento, procedure e metodologie che consentono di contrastare adeguatamente gli errori, le frodi e i fattori di rischio che ostacolano il corretto svolgimento dell’attività del Centro.

La Società si adopererà affinché i Destinatari siano a conoscenza del Codice Etico del CDV. A tal fine, le Società informeranno adeguatamente tutti i Destinatari e forniranno loro supporto nell’interpretazione e nella corretta applicazione delle indicazioni contenute nel presente documento.

Al fine di garantire l’osservanza e l’efficacia del presente Codice Etico, il Centro si fa carico di diffondere il presente documento a tutti i propri dipendenti e collaboratori ed attribuisce al Consiglio di Amministrazione ed in prima istanza al Direttore Sanitario del centro il monitoraggio dei processi aziendali.

In particolare, la Società si impegna:

  • a diffondere il Codice Etico ed a curare il suo periodico aggiornamento;
  • a mettere a disposizione ogni possibile strumento che ne favorisca la piena applicazione;
  • a controllare il rispetto dei principi in esso contenuti;
  • a svolgere verifiche in ordine ad ogni segnalazione di violazioni di norme previste nel Codice Etico ed attuare, in caso di accertata violazione, adeguate misure sanzionatorie.

Del Codice verrà data ampia diffusione interna.

La Società si impegnano altresì a diffonderlo a tutti coloro che entreranno in relazione con le stesse.

A tale scopo sarà affisso con adeguato risalto nelle bacheche aziendali ed pubblicato sul sito internet della Società e sarà distribuito a tutti quelli che collaborano a vario titolo con il CENTRO DIAGNOSTICO VALDICHIANA, affinché siano consci dei valori morali e dei criteri di comportamento generali e specifici a cui attenersi nello svolgimento della propria attività quotidiana.

Il Codice individua ed illustra le aspettative di CDV Centro Diagnostico Valdichiana S.r.l. nei confronti di amministratori, dirigenti, dipendenti, collaboratori e di tutti i Destinatari come in precedenza individuati, e le responsabilità di costoro nel realizzarle concretamente.

Pertanto, allo scopo di garantire l’effettività del presente documento, la Società si impegna a predisporre adeguati canali di informazione per consentire a ciascun Destinatario di riferire liberamente, direttamente ed in maniera assolutamente riservata, qualunque informazione o richiesta di chiarimento.

È obbligo di ciascun Destinatario del Codice segnalare, senza ritardo, ogni comportamento non conforme ai principi del presente documento posto in essere da ogni Destinatario.

Tutte le comunicazioni possono essere inviate al CdA del Centro Diagnostico Valdichiana S.r.l. al seguente indirizzo

Pec: centrodiagnosticovaldichiana@cgn.legalmail.it

L’inosservanza delle regole di condotta contenute nel presente Codice Etico darà avvio ad un procedimento disciplinare, fatta comunque salva l’eventuale adozione di misure sanzionatorie diverse connesse a responsabilità di altra natura.

Nessun comportamento illecito o comunque in violazione di disposizioni del presente documento o anche solo illegittimo o scorretto potrà essere giustificato o considerato meno grave, anche se compiuto nell’interesse o a vantaggio delle Società. Di conseguenza, ogni atto posto in essere nonostante le contrarie disposizioni stabilite dal presente Codice costituirà oggetto di avvio di una procedura disciplinare.

I collaboratori, i professionisti ed i partner di CDV in caso di violazioni accertate potranno essere sanzionati secondo quanto espressamente previsto nei contratti di riferimento di cui il Codice Etico rappresenta parte integrante.

Il presente Codice è vigente dalla data di approvazione da parte del Consiglio di Amministrazione di CDV Centro Diagnostico Valdichiana S.r.l., con deliberazione del 01/07/2019.

Ogni aggiornamento modifica o aggiunta al presente Codice dovrà essere approvata dal Consiglio di Amministrazione della Società.

Copia del presente Codice è consegnata a tutti i Destinatari che la firmano per presa visione ed è disponibile per la consultazione in formato elettronico, sul sito internet della Società.

Foiano della Chiana della Chiana, 01/07/2019

Per CDV Centro Diagnostico Valdichiana S.R.L.

(Il Presidente del Consiglio di Amministrazione)

VANNUCCINI DANILO

  • Sede Legale: Via delle Farniole 24 52045 FOIANO DELLA CHIANA (AR).
  • Ambulatori: Via delle Farniole 24 52045 FOIANO DELLA CHIANA (AR)
  • Tel - 0575 641106
  • Fax - 0575 649719
  • E-mail - info@centrodiagnosticovaldichiana.it
  • Capitale Sociale € 100’000,00 I.V. C.F. e P. IVA 0232810516
  • www.centrodiagnosticovaldichiana.it
  • Pec: centrodiagnosticovaldichiana@cgn.legalmail.it
  • Autorizzazione Comunale L.R. 8/99 n. 1/2019 del 01/07/2019
  • Direzione Sanitaria: D’Ascola Prof. Pier Giorgio

Contattaci

Hai altre domande?

Social